Meeting 16, 17, 18 giugno 2022

in collaborazione con il Parco Nazionale Arcipelago Toscano

partners

 

Capraia è una piccola isola al centro del Santuario Internazionale dei Mammiferi Marini Pelagos, parte integrante del sito UNESCO riconosciuto come Riserva della Biosfera “Isole di Toscana” nell’ambito del Programma MAB Man and the Biosphere, nonché una perla del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, inserito nella GREEN LIST della IUCN (International Union for the Conservation of Nature), che conta 60 aree protette in 16 paesi in tutto il mondo, di cui solo 3 in Italia.

In questa cornice nasce nel 2016 il Capraia Smart Island, un ampio progetto di economia circolare ideato e coordinato dall’Associazione Chimica Verde bionet con l’ausilio di importanti partner scientifici: l’Istituto sull’Inquinamento Atmosferico del Consiglio Nazionale per le ricerche (CNr-IIA), il Kyoto Club e ITABIA Italian Biomass Association. Lavorare sulle isole minori consente di testare modelli di sostenibilità dato che l’isolamento geografico e sociale rende questi contesti territoriali assimilabili a veri e propri laboratori a cielo aperto.

Anche per il PNRR le isole minori rappresentano un “volano per la transizione ecologica” con la protezione e valorizzazione delle bellezze naturali, il ricorso alle fonti rinnovabili di energia, la gestione delle risorse idriche e un sempre maggior sviluppo dell’agricoltura locale che, in un contesto “estremo”, necessita di approcci ecocompatibili e di mezzi meccanici particolari.

L’ultima edizione del Capraia Smart Island (settembre 2021) è stata interamente dedicata alla tutela del mare trattando a fondo la filiera ittica sostenibile. Con l’edizione del 2022 torniamo sulla “terraferma” per parlare di agroecosistemi e prodotti di qualità.

Agricoltura eroica: Opportunità e Modelli

L’isola di Capraia in campo agricolo ha una lunga tradizione che va ben tutelata. Fortunatamente oggi negli appezzamenti di terra, incastonati in ripidi pendii strappati alla roccia, giovani imprenditori stanno rilanciando orticoltura, apicoltura, erbe aromatiche, allevamento e produzione di vino e di olio. Partendo da questa realtà e dal fatto che è in corso la procedura affinché Capraia sia la prima isola del Mediterraneo riconosciuta come Biodistretto, dedichiamo l’evento di giugno 2022 a quelle forme di agricoltura definita ‘eroica’ che caratterizzano molte delle isole minori, costituendo una fonte di reddito e anche un baluardo per la tutela del territorio e il mantenimento della biodiversità locale. Infatti quasi tutte le aziende agricole dell’isola sono in regime biologico e hanno come obiettivo la difesa del suolo e l’incremento della sua fertilità.

 


Programma della manifestazione

Giovedì 16 giugno 2022

Partenza da Livorno

Traghetto Compagnia Toremar (imbarco per Capraia)

LIBURNA (13.45 – 16.30)

Arrivo a Capraia e sistemazione

Presentazione del programma (19.00-20.00)

  • Briefing e aperitivo di benvenuto

Cena a cura dell’organizzazione

 

Venerdì 17 giugno 2022

Sala IPOGEA, Capraia Isola (9.15 – 18.30)

Mattina 9.15 – 13.30

Saluti delle AUTORITÀ:
Marida Bessi, Sindaca di Capraia Isola
Giampiero Sammuri, Presidente Parco Nazionale Arcipelago Toscano

  • Apertura dei Lavori. Sofia Mannelli, Presidente Chimica Verde Bionet e coordinatrice del Capraia Smart Island.

Il network delle Lighthouse farms di Re Soil Foundation

In collaborazione con Novamont e Re Soil Foundation Chairman: Francesco Giardina, Coldiretti

  • Saluti e introduzione alla giornata. Debora Fino, Presidente Re Soil Foundation.
  • Framework legislativo relativo al suolo: Soil strategy e Carbon Farming. Roberto Ferringno, ECBPI.
  • Presentazione delle attività di Re Soil Foundation. Margherita Caggiano, Re Soil Foundation.
  • SOIL HUB – presentazione delle attività. Claudia Di Bene, CREA Agricoltura Ambiente
  • Salute e funzionalità dei suoli: come si misurano? Martina Mazzon, Università di Bologna

  • Rigenerazione del suolo e servizi ecosistemici per l’agricoltura eroica. Lorenzo D’Avino, CREA Agricoltura Ambiente
  • La biodiversità del suolo in agricoltura eroica. Elena Gagnarli, CREA Difesa e Certifcazione.

Presentazione del network delle Lighthouse farms

Chairman: Claudio Marzadori, Università di Bologna

  • Il network delle LHF di RESOIL. Sara Guerrini, Novamont.
  • LHF secondo intervento*
  • LHF terzo intervento*
  • LHF quarto intervento*
  • Q&A
  • Conclusioni, Claudio Marzadori. Università di Bologna

13.30 Buffet

14.45 Conferenza stampa FederUnacoma
Economia delle isole mediterranee: Un “forum” ad EIMA International

Pomeriggio 15.30 – 18.30

L’agricoltura eroica, qualità del cibo, opportunità, innovazioni.

Chairman: Beppe Croce, Direttore Chimica Verde Bionet.

  • Biodistretto a Capraia: esempio di innovazione e opportunità. Fabio Fabbri, Regione Toscana – Agricoltura e Sviluppo Rurale, Presidente ODAF prov. Di Grosseto.
  • Tutela della agrobiodiversità e valorizzazione delle produzioni locali nel Parco Nazionale Arcipelago Toscano e nella Riserva MAB UNESCO Isole di Toscana. Maurizio Burlando, Direttore Parco Nazionale Arcipelago Toscano.
  • La tutela della agrobiodiversità: dalla conservazione alla valorizzazione delle risorse genetiche locali. Attività e prospettive per l’agricoltura del PNAT. Luciana Angelini, Università di Pisa.
  • La risorsa acqua nelle isole minori e il ruolo dell’acqua nell’agricoltura isolana: Problematiche e soluzioni (recupero di risorse dalla gestione delle acque reflue; tecniche per aridocoltura). David Chiaramonti PoliTo/Cz. RE-Cord.
  • Minore Emissione di CO2 da fonti agricole. Progetto Interreg GECO2 – Green Economy and CO2. Mauro Tiberi, Regione Marche.*
  • Agricoltura eroica: Una sfida per la meccanizzazione. Simona Rapastella, FederUnacoma.
  • Le politiche locali del cibo: l’esperienza del Tavolo ANCI Toscana. Marina Lauri, Responsabile agricoltura Anci Toscana.
  • Opportunità economiche: PNRR e agevolazioni. Giuseppe Settanni, Exa Consulting srl.
  • Conclusioni, Beppe Croce. Direttore Chimica Verde Bionet

Cena libera – convenzioni con ristoranti capraiesi

Sabato 18 giugno 2022

Sala IPOGEA, Capraia Isola (9.30 – 12.30)

Agricoltura eroica e Isole minori: Percorsi e Prodotti di qualità

Chairman: Franceso Ferrante, Vicepresidente Kyoto Club

  • Il Manifesto di Procida. Fabrizio Filippi, Coldiretti*
  • Esperienze nei progetti SMART ISLAND. Daniele Bianconi, CNR IIA.
  • Esperienza di Gorgona. Carlo Mazzerbo, Direttore Carcere di Gorgona.
  • Coop. Agricola Montalbano Olio & Vino. Giancarlo Faenzi, Legacoop Agroalimentare.
  • Azienda Agricola Arrighi, Isola D’Elba (LI). Antonio Arrighi.
  • Azienda Agricola Terre del Favonio, Favignana (TP)*
  • Azienda Agricola La Piana, Capraia Isola (LI). Alice Bollani, CIA.
  • Esperienze delle Green Heroes agricole. Annalisa Corrado, AzzeroCO2 – Kyoto Club.

12.30 CHIUSURA LAVORI

Visite sull’isola sia lungo i sentieri che in mare

IMBARCO TRAGHETTO LIBURNA (17.45 – 20.30)

* relatore e/o interverto in via di definizione


 

 


Capraia è una perla del Parco nazionale dell’arcipelago Toscano, posta nel cuore del Santuario dei Cetacei e non interconnessa con il continente. Tra tutte le isole del Mar Mediterraneo, Capraia è l’unica al 100% “rinnovabile” riuscendo a soddisfare l’intero fabbisogno di elettricità con un impianto pilota dell’ENEL alimentato a biodiesel.

Sfoglia gli Atti del terzo Meeting | 16, 17, 18 Maggio 2019


CAPRAIA SMART ISLAND AD EIMA ENERGY 2021

“Un laboratorio di Bioeconomia circolare”

Sabato 23 ottobre 2021 è stato presentato ad Eima Energy 2021 un workshop dedicato all’iniziativa di Capraia Smart Island.

Clicca sotto per scaricare il programma

Clicca sotto per scaricare il comunicato stampa


CAPRAIA SMART ISLAND | Agrilevante 2019

LA MECCANIZZAZIONE E LE FILIERE SOSTENIBILI NELLE ISOLE MINORI

Agrilevante Workshop | Sala MiA – Padiglione 20

11 ottobre 2019 | ore 17.00

Le isole minori sono sempre più oggetto di attenzione e studi da parte della Commissione Europea e dei maggiori centri di ricerca nazionali e esteri per la possibilità di testare modelli di sostenibilità in tutte le filiere produttive a partire da quelle agricole. I percorsi e gli indirizzi per massimizzare la sostenibilità delle azioni umane in questi territori sono importanti anche perché – per certi versi – sono assimilabili a laboratori a cielo aperto. Inoltre, in questi luoghi, esiste un ricco patrimonio naturalistico e culturale da preservare e che trova un’eccellente sintesi nelle tante forme di agricoltura isolana di nicchia. Queste, in particolare in Italia, hanno iniziato a farsi conoscere e apprezzare, non solo per l’unicità e il pregio di specifici prodotti, ma anche per la difficoltà della loro coltivazione. Stimo parlando dell’agricoltura cosiddetta eroica.

Saluto del Presidente di FederUnacoma, Alessandro Malavolti

Il modello “Smart Island”: Francesco Petracchini, CNR Istituto sull’inquinamento atmosferico, CNR-IIA. L’istituto ha coordinato, per conto del Ministero dell’Ambiente, della tutela del territorio e del mare, il Progetto Smart Island che ha studiato e costruito modelli per la trasformazione della rete elettrica isolana e dei cicli dei rifiuti e dell’acqua da processi centralizzati e unidirezionali in Smart grid e Smart cycles. Il progetto Smart Island ha inteso superare i limiti attuali di  produzione e distribuzione, altamente inefficiente di energia presenti nelle isole Minori del Mediterraneo e ridistribuire i vantaggi di una smart grid isolana alle aziende locali e alla popolazione residente. Le ipotesi promosse e consegnate al Mattm rappresenta un’opportunità di miglioramento della sostenibilità ambientale dell’isola. In particolare per il settore energetico l’integrazione delle fonti rinnovabili, del risparmio, della mobilità sostenibile (elettrica e ciclistica) consentirebbero di ridurre consumi ed emissioni associati al fossile, determinando un miglioramento della qualità dell’aria dell’acqua, dei suoli e un aumento dell’indipendenza energetica dell’isola.

Valentina Cozza – CNR-IIA

L’esperienza delle isole greche: Prof. Alexandros Papahatzis, Facoltà di Agraria dell’università della Tessaglia.

prof. Alexandros Papahatzis – Università della Tessaglia

Il “caso Pantelleria” – Meccanizzazione delle colture della vite e dell’ulivo nell’isola di Pantelleria: Prof Felice Pipitone docente di meccanica agraria Università di Palermo. Il “Progetto Pantelleria, rappresenta un interessante studio dell’Università di Palermo, finanziato all’Assessorato Agricoltura e Foreste della Regione Siciliana, sulla meccanizzazione delle colture della vite e dell’ulivo a Pantelleria, ha individuato nuove macchine per un’agricoltura di qualità per frenare l’abbandono degli appezzamenti e recuperare alcune aree da mettere a coltura in funzione delle tecnologie introdotte.

prof. Felice Pipitone – Università di Palermo

Capraia Smart Island: un modello multidisciplinare sostenibile: Sofia Mannelli – Chimica verde Bionet. CVB in collaborazione con ITABIA e Kyoto Club da tre anni organizza, sull’isola di Capraia (LI) perla del Parco nazionale dell’arcipelago toscano, l’evento multidisciplinare Capraia Smart Island che promuove un modello sostenibile di decarbonizzazione per le isole minori in relazione alle tematiche: rifiuti; energia; ciclo dell’acqua; mobilità sostenibile, agricoltura, ecoporto e filiera ittica.

Sofia Mannelli – Chimica Verde Bionet

Iniziative 2019

Capraia Smart Island 16-18 maggio 2019

Nel maggio del 2017 e del 2018 si sono tenuti a Capraia due eventi unici nella storia dell’isola, che hanno avuto anche grande risonanza mediatica; si sono incontrati sull’isola circa 50 esperti nel campo della sostenibilità e dell’ecologia, con l’obiettivo comune di confrontare e individuare strategie ed iniziative sull’economia circolare. Dall’incontro sono nate successivamente molte idee e diverse azioni concrete.

Vista la buona riuscita dei primi due anni di attività, anche nel 2019 si terrà il terzo meeting, con ospiti autorevoli, aperto all’amministrazione, imprese e popolazione residente, per fare il punto sulle ultime innovazioni e scambiare informazioni su attività in corso e quelle in avvio.

Il programma prevede la trattazione di tre focus principali su: Energia, Rifiuti, Agricoltura.

Scarica l’ultima versione del programma di Capraia Smart Island

 


Programma

16 Maggio

Partenza da Livorno (Traghetto Liburna ore 13.30)
Durante la navigazione brainstorming: 

  1. Attività di Capraia Smart Island, Sofia Mannelli.
  2. Panoramica sulle iniziative attivate sull’isola. Progetto PIT dell’Università di Firenze (Enrico
    Palchetti); Progetto MAREA – Ginevra Virginia Lombardi (Presidente del Consiglio di
    Sorveglianza di ASA spa) e Irene Nicotra*(Provincia di Livorno)
  3. Confronto sulle prospettive future. Spunti di riflessione del Gruppo di Lavoro Capraia
    Smart Island.

Verranno divulgati gli atti del precedente meeting 2018

Arrivo a Capraia (ore 16.30) e sistemazione

SESSIONE RIFIUTI (Sala Ipogea 17.30 – 19.30)

  • Apertura dei lavori. Sofia Mannelli (CVB) 
  • Saluti autorità. Marida Bessi Sindaco di Capraia Isola, Giampiero Sammuri* Presidente del Parco nazionale dell’Arcipelago Toscano.
  • Presentazione della “Proposta nazionale di Vademecum per la riduzione della plastica”. Giorgio Zampetti (Legambiente) e Sofia Mannelli (CVB). Pagina dedicata al progetto
  • PROGETTO MAREA “Le fontanelle di acqua di Alta Qualità per un’isola plastic bottle-free” Nicola Ceravolo (Presidente di ASA). 
     
  • Proposta di legge sul Fishing for litter, per ripulire il mare dai rifiuti con l’aiuto dei pescatori: Rossella Muroni (Deputata prima firmataria).
  • Presentazione della tecnologia SeaBin per la pulizia del porto di Capraia. Rappresentante di Lifegate* /Whirlpool*/ Soprotur*.
  • Progetto PIT per il compostaggio comune nelle aree degli usi civici agricoli. Enrico Palchetti (Università di Firenze). 
  • Biochar, compost e co-compostaggio: tecnologie per la valorizzazione dei residui lignocellulosici ed organici. David Chiaramonti/David Casini (Consorzio RE-Cord).
  • Primi risultati sull’uso della casetta in BiofoamTM per il pesce e della compostiera familiare. Marco Benedetti (CVB)

*INVITATI in attesa di conferma

Cena Libera: convenzioni con i ristoranti dell’isola

 


17 Maggio

CONVEGNO (Sala Ipogea 9,00 – 13,00)

1. APERTURA STRAORDINARIA della Campagna PULIAMO IL MONDO di Legambiente La responsabile nazionale della Campagna di Legambiente, Laura Brambilla con Emilio Bianco, coordineranno le attività degli studenti di Capraia.

Ritrovo alle 9.00 e partenza alle 9.30 dalla Sala Ipogea per raggiungere la spiaggia di Cala San Francesco (con l’assistenza di 6 giovani volontari civili internazionali).

2. SESSIONE SMART ISLAND AND LAND – 9,30 – 10,30

  • Proposta Coordinamento SMARTISLAND Italia. Francesco Petracchini (CNR –IIA), Sindaco Capraia, Sindaco Giglio*, Associazione Isole Eolie (Ambra Messina)
  • Progetti sulle Smart Island Greche. Associazione DAFNI, Network of Sustainable Greek Islands Kostas Komninos
  • “Presentazione Cluster Tecnologico Nazionale Blue Italian Growth – CTN-BIG, Lucia Paciucci – CNR.
  • La Piattaforma Italiana per l’Economia Circolare (ICESP). Grazia Barberio (ENEA, Coordinamento
    tecnico ICESP) 

3. SESSIONE ENERGIA – 10.30-12,15
Analisi Decreto Isole Minori e Delibera ARERA. Introduce e modera Francesco Ferrante (Kyoto Club e Coordinamento FREE) interventi di:

  1. Luca Benedetti (Direttore Centro Studi e Statistiche GSE) 
  2. Andrea Guerrini (Collegio di ARERA)
  3. Dario Barbuti (CEO di Wolmann) 
  4. Andrea Muzzi* (Soprintendenza Pisa)
  5. Francesco Petracchini (CNR IIA).

4. SESSIONE AGRICOLTURA E TERRITORIO – 12,15 -12,50

  • Meccanizzazione agricola per terrazzamenti con vigneti, uliveti e ortaggi. (FEDERUNACOMA*).
  • Capraia non soffre d’inquinamento luminoso…e si vede! Luciano Massetti (CNR- Ibimet) 
  • Idea Smart per la sicurezza realizzata. Dal Belgio, un camion dei pompieri a Capraia. Didier Ghistelinck

5. Dibattito e Conclusioni 12,50-13.30 – Beppe Croce CVB

*INVITATI in attesa di conferma

Pranzo: Ore 13.30

Pomeriggio a scelta tra:

  1. Ore 15.00 – 17.00 : Gita in Barca verso le scogliere di Ponente, mare permettendo (minimo 8 partecipanti)
  2. Ore 15.00 – 17.00 : Passeggiata verso l’interno dell’isola con Marco Benedetti, (guida e anche vicepresidente di Chimica Verde Bionet)
  3. Ore 15.00 – 17.00 verso l’area dell’ex- Carcere con la guida ambientale più nota di Capraia: Mariella Ugolini**

Ore 17.30: Apertura Straordinaria per Capraia Smart Island del Castello San Giorgio per una visita guidata (riservata a 40 persone)**

** da confermare

Cena Libera: convenzioni con i ristoranti dell’isola


18 Maggio

SESSIONE PROGETTI EUROPEI A CAPRAIA

Ore 9.00-10.30. Introduce e modera Germana di Falco (docente SDA Bocconi)

  • Presentazione Progetto Europeo “Enabling” – Il contributo dei residui agricoli aIlo sviluppo della bioeconomia – Vito Pignatelli (ITABIA / ENEA). 

 

  • SPAZIO HYDROUSA: Capraia replication site
    Francesco Fatone (Università Politecnica delle Marche).
    Alessandro Villa (Planet)
    Camillo Palermo (ASA)

Ore 11.00. Inaugurazione Seabin Lifegate al porto (in attesa di conferma) e chiusura della 3° Manifestazione Capraia Smart island

Rientro a Livorno sono previste 2 navi: Partenza da Capraia ore 11,45 e ore 18.45
Per chi volesse c’è la possibilità di organizzare la permanenza a Capraia per il fine settimana.

Iniziative 2018

La compagine del Gruppo di Lavoro formata da Sofia Mannelli di Chimica Verde Bionet ispiratrice e coordinatrice dell’idea progetto, Matteo Monni di ITABIA – Italian Biomass Association, Francesco Petracchini e Marco Segreto del CNR-IIA (Istituto sull’inquinamento Atmosferico del CNR), Francesco Ferrante del Kyoto Club e Camillo Palermo, project manager di ASA SpA (Gestore Unico del Servizio Idrico Integrato in Capraia, Elba e altri 24 Comuni delle Provincie di Pisa, Siena e Livorno) promuovono il Secondo evento “Capraia Smart Island”, lniziativa dedicato all’idea-progetto che intende promuovere l’isola come modello pilota di economia circolare, attraverso un “TEATRO DELLE IDEE”, dove sviluppare tecnologie mature, in forma di pilota “come dimensioni”, ma comunque ripetibili e replicabili.

Comunicato Stampa del 15 maggio 2018


L’evento si svolgerà il 17 e 18 maggio 2018, saranno affrontate e sviluppate tematiche innovative con due focus groups sui seguenti argomenti:

  1. agricoltura e uso efficiente dell’acqua e delle risorse
  2. rifiuti, raccolta differenziata e marine litter.

Il programma delle iniziative:

17 maggio

ore 13.45, partenza da Livorno, Porto Mediceo, imbarco traghetti Toremar verso Capraia.

  • ore 16.30, arrivo sull’isola e sistemazione negli alloggi.
  • ore 18.00 -19.30, presso la SALA IPOGEA, si riunisce il primo Focus Group dedicato all’agricoltura.

Un incontro con gli agricoltori dell’isola ed esperti di agricoltura e di acqua, di prodotti sostenibili (innovazione, efficienza nelle produzioni e ruolo della chimica verde e del biochar) Interverranno Luca Lazzeri, CREA Colture Industriali di Bologna, David Casini Cz RE-Cord, Giordano Fossi del gruppo di lavoro dell’Università di Firenze e Stefano Feri, Vice presidente del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, Invitata Carla De Carolis esperta in finanziamenti al settore della Bieconomia. Parteciperanno all’incontro Antonio Raschi e Luciano Massetti del CNR IBIMET.

Durante l’evento verrà donato dal CEO dell’Olandese Synbra Technology, Jan Noordegraaf all’Agriturismo “Valle di Porto- vecchio” di Capraia uno speciale compostatore brevettato dalla società olandese.

  • ore 20.30, cena libera

18 maggio

(possibilità di andata e ritorno in giornata – Livorno 8.30/Capraia 18.45)

  • ore 09.30 – 11.30, presso la SALA IPOGEA, secondo Focus Group: Rifiuti e Marine Litter, con gli studenti della scuola primaria di Capraia. Il Focus vedrà la partecipazione di Laura Brambilla e Emilio Bianco di Legambiente, Maria Cristina Fossi, Docente in Ecologia ed Ecotossicologia presso l’Università di Siena che sta lavorando sulla digeribilità del “Biofoam” e Marco Bendetti che presenterà il suo progetto THE WORLD BEST 100 PLASTIC BEACHES.

Sarà presente anche il CEO dell’Olandese Synbra Technology, Jan Noordegraaf che firmerà l’accordo con il quale fornirà alla Coop Maricoltura e Ricerca di Capraia le cassette per il pesce in materiale biodegradile compostabile, il biofoam, per sostituire le normali cassette in polistirolo.

  • ore 12.30 Aperitivo. Una sorpresa speciale per gli ospiti venuti a Capraia offerta dalla Cooperativa Maricoltura e Ricerca di Capraia
  • ore 13.00, pranzo organizzato dal GDL all’hotel il Saracino.

CONVEGNO CAPRAIA SMART ISLAND

(SALA IPOGEA ore 15.00 -18.00)

15.00 saluti istituzionali del Sindaco di Capraia
Irene Nicotra – Provincia Livorno – Il progetto MAREA

15.30 Sofia Mannelli Chimica Verde Bionet, coordinatrice del progetto Capraia Smart Island

15.45 Francesco Petracchini CNR-IIA – Franco Ventre Enel Green Power: Un progetto energetico innovativo per Capraia e altre 4 isole europee: il Progetto PEARLS

16.05 Andrea Guerrini Presidente ASA SpA: il progetto Hydrousa; Grecia e Capraia collegate da un progetto innovati- vo già approvato

16.20 Luca Lazzeri CREA CI: Le nuove proposte di agricoltu- ra sostenibile per l’isola di Capraia

16.35 Francesco Cinelli Università di Pisa: idee di un grande esperto

16.50 Antonio Raschi direttore CNR -Ibimet: “La qualità del cielo notturno, una risorsa naturalistica e turistica da valorizzare e salvaguardare”.

17,05 Salvatore Livreri Console, Direttore dell’Area Marina Protetta “Isola di Ustica”

17.20 PierPaolo Traversari Scuola lavoro a Capraia, proget- to Outdoor In rete

17.35 Beppe Croce Chimica Verde Bionet: Conclusioni

18.00 CHIUSURA lavori

18.45 partenza da Capraia (per chi non potrà fermarsi) verso Livorno.

Scarica il programma delle iniziative 


Il progetto ha ricevuto il Patrocinio del Comune di Capraia, del parco Nazionale dell’arcipelago Toscano, dell’Accademia dei Georgofili, e del coordinamento FREE.

Iniziative 2017

Il Progetto Capraia Smart Island, che punta molto in alto, nasce dal basso, dall’isola stessa, attraverso un meticoloso processo di partecipazione come se ne vedono pochi. Da anni, alcuni residenti stanno maturando l’idea di impegnare Capraia in un ampio processo di decarbonizzazione dell’economia isolana operando non solo sul piano energetico, ma anche per una gestione sostenibile dell’edilizia, della mobilità, dei rifiuti, dell’acqua, dell’agricoltura, della pesca e del porto.

Capraia, nella ricerca di un equilbrio tra le attività antropiche e il territorio, può diventare un laboratorio di economia circolare, un modello virtuoso replicabile sia sulle isole minori del Mediterraneo, sia su scala globale. Per promuovere questa iniziativa è stato creato un apposito Gruppo di Lavoro coordinato dall’Associazione Chimica Verde Bionet (CVB), e composto anche da ITABIA Italian Biomass Association, Kyoto Club e l’Istituto dell’Inquinamento Atmosferico del CNR. Tale GdL sta già operando in sinergia con esperti dei diversi settori interessati inclusa la DG Energy della Commissione Europea.

Il 27 e 28 maggio 2017 un Panel di tecnici appartenenti alle maggiori associazioni, enti di ricerca, Università italiane e imprenditori, trascorrerà un week end a Capraia per attivare in questo luogo speciale un’officina delle idee sulla bioeconomia reale, realizzabile attraverso proposte concrete e tecnologie mature.

Scarica il programma del 27-28 maggio 2017

Visualizza la  brochure 

Scarica gli ATTI DEL MEETING 17-18 Maggio 2018

 

Sfoglia on-line gli ATTI del MEETING 2018

Ogni anno verrà promosso un convegno con la pubblicazione dei risultati perseguiti ed ottenuti.


Intervista a Sofia Mannelli – Presidente di Chimica Verde Bionet


Rassegna Stampa | Capraia Smart Island 2019

Visualizza la rassegna stampa della terza edizione di Capraia Smart Island realizzata dal Media Partner dell’evento: Canale Energia

 


SFOGLIA ON-LINE GLI ATTI DEL WORKSHOP 2017

ATTI del WORKSHOP 2017

Ogni anno verrà promosso un convegno con la pubblicazione dei risultati perseguiti ed ottenuti.

 

Scarica gli ATTI DEL WORKSHOP 27-28 Maggio 2017


Immagini da CAPRAIA SMART ISLAND

Gruppo di Lavoro Capraia Smart Island 2018

ARTICOLI SU CAPRAIA SMART ISLAND

Capraia, un modello di isola verso la sostenibilità | canaleenergia

Fermarsi in un’isola immersi nella natura e in spiagge splendide, cullati dalle onde, una prospettiva invitante ma che può comportare stress per il territorio. La presenza dell’uomo difatti necessita di una serie di servizi, dall’acqua potabile alla possibilità di muoversi, ma anche l’uso di energia per scaldare, illuminare o produrre cibo. Tutti servizi non scontati per realtà isolate dalla terra ferma senza risorse interne a cui potersi approvvigionare regolarmente. E’ il caso dell’Isola di Capraia nell’arcipelago Toscano che non è collegata al Continente per i servizi essenziali, come acqua, elettricità e smaltimento dei rifiuti. Attività di cui inevitabilmente sia la moltitudine di turisti (circa 3mila all’anno) che i residenti (poco più di un centinaio) hanno bisogno. Diverse tecnologie “dalla desalinizzazione al compostaggio, al riuso dei reflui” possono insieme favorire un processo di auto alimentazione e, magari, di circolazione di materie prime, tanto scarse in queste realtà. Nasce da questa fotografia la scintilla di “Capraia di Smart Island” un progetto in cui professionisti di diverse estrazioni scientifiche si confrontano per trovare la combinazione perfetta tra tecnologia e sostenibilità ambientale. (continua a leggere su canaleenergia »)

Puntare alla bioeconomia sostenibile: una nuova strategia di sviluppo per i Paesi dell’Europa del sud.

L’Associazione Italiana Chimica Verde Bionet presenta Capraia Smart Island, un progetto coordinato su un’isola nel Mar Tirreno settentrionale, una delle zone più belle del Mar Mediterraneo, all’interno del santuario dei cetacei. Capraia Smart Island vuole essere un modello pilota di economia circolare, un progetto faro per il Mar Mediterraneo. Nell’Unione europea, i progetti faro sono quelli applicabili a diversi territori, ad ampio respiro, che hanno un’importanza fondamentale.

Oltre 50 ricercatori ed esperti si sono riuniti nel maggio 2017 in un primo evento, in cui è stato avviato lo studio delle opportunità per sviluppare e costruire un ampio processo di decarbonizzazione dell’economia dell’isola.
Journal of Marine Biology and Aquascape
(leggi l’articolo orginale – ver. ING »)

Per rilanciare un ambizioso progetto di economia circolare a 360 gradi | Green Report

Nel maggio del 2017 si è tenuto a Capraia un evento unico nella storia dell’isola; per due giorni si sono radunati decine di esperti di primo piano per individuare tutte le possibili iniziative da intraprendere nel campo dell’economia circolare. I numerosi e interessanti spunti di riflessione emersi nel corso delle giornate di lavoro sono stati scrupolosamente raccolti in una pubblicazione ricca di dati e obiettivi. Per consentire la massima diffusione di questi “Atti”, oltre alle copie stampate (ovviamente su carta riciclata), è stata creata una versione digitale che circola già da qualche settimana.

Il Progetto è partito da un’idea di Sofia Mannelli (presidente dell’associazione Chimica Verde Bionet) che ha attivato un gruppo di lavoro coinvolgendo esperti di accreditate associazioni, Enti di ricerca e società di servizi: Matteo Monni (Vice Presidente di Itabi – ItalianBiomassAssociation), Francesco Ferrante (Vice Presidente del Kyoto Club); Francesco Petracchini (ricercatore CNR IIA); Camillo Palermo (project manager di ASA SpA, Gestore Unico del Servizio Idrico Integrato per l’Autorità Idrica Toscana Costa).

L’obiettivo è quello di creare un modello pilota di economia circolare, un “Progetto Faro” per il Mar Mediterraneo. (leggi l’articolo orginale »)

La cassetta del pesce è bio Capraia prima in Europa | IL TIRRENO – Livorno

Addio polistirolo, la cassetta del pesce a Capraia diventa biodegradabile e l’isola si trasforma così nel primo esempio di pesca sostenibile nel Mediterraneo.

L’accordo tra la Synbra Technology, società verde con sede in Olanda, e la Cooperativa Maricoltura che alleva branzini e orate nello specchio di maredi fronte al porto, è stato firmato durante la seconda edizione di Capraia Smart Island il convegno pilota per trasformare una delle perle dell’Arcipelago in un’isola ad economia circolare e rifiuti zero. (leggi l’articolo orginale »)

Agricoltura, rifiuti e nuova economia Gli esperti a Capraia | IL TIRRENO – Livorno

Via al secondo meeting all’isola di Capraia, nel Parco nazionale dell’arcipelago toscano, per rilanciare un progetto ambizioso di economia circolare a 360 gradi. Oggi e domani, dopo il successo di un anno fa, andrà in scena la seconda edizione dell’iniziativa Capraia smart island, incentrata su due argomenti specifici: agricoltura (uso efficiente dell’acqua e delle risorse) e rifiuti (raccolta differenziata e chiusura del ciclo).

Sarà anche l’occasione, durante un evento con i residenti, per fare il punto della situazione che mostra un incoraggiante stato d’avanzamento dopo un anno di attività. In primo luogo, sono stati identificati alcuni bandi con cui finanziare iniziative su Capraia o di più ampio raggio: tra queste c’è grande speranza per l’approvazione del progetto europeo Horizon 2020, denominato Pearls, acronimo che sintetizza l’intenzione di favorire l’impiego di fonti rinnovabili locali per la produzione di energia nelle isole. (leggi l’articolo orginale »)

Basta plastica in mare: Capraia ci prova | L’Espresso

“Meno plastica in mare” è diventato ormai un obiettivo urgente e irrrinunciabile. Non solo negli Oceani ma anche nel nostro Mediterraneo, visto che tra Italia, Spagna e Francia c’è una concentrazione di plastica che supera quella del cosiddetto “continente spazzatura” presente nell’Atlantico, come denunciato dall’ultimo rapporto realizzato da Arpa Toscana e dalla struttura oceanografica Daphne.

E proprio in Toscana parte un progetto che rapprsenta solo un piccolo passo ma si propone come modello virtuoso: quello dell’isola di Capraia, affioramento vulcanico di otto chilometri per quattro e paradiso naturale abitato da meno di 300 anime, tra la costa italiana e il nord della Corsica.

A Capraia – che già fa parte del Parco Naturale dell’Arcipelago toscano – da tempo è partito un progetto chiamato Smart Iland per rendere ogni attività il più possibile. (leggi l’articolo orginale »)

Capraia Smart Island 2018, economia circolare e bioeconomia per un’isola sostenibile | Green Report

Il secondo evento Capraia Smart Island, verificatosi il 17 e 18 maggio, organizzato da Associazione Chimica verde bionet in collaborazione con Itabia, Kyoto Club, Smartisland e Asa spa e con il patrocinio di Comune di Capraia Isola, Accademia dei Georgofili, Parco Nazionale Arcipelago Toscano, Elettricità Futura e Coordinamento Fee, è stato un successo! Un incontro incentrato su due argomenti specifici: agricoltura (uso efficiente dell’acqua e delle risorse) e rifiuti (raccolta differenziata e chiusura del ciclo).

Un passo importante per la storia della sostenibilità di tutto il sistema Isola di Capraia. Quaranta esperti per rendere l’isola una vera e propria Smartisland evoluta. (leggi l’articolo orginale »)