Applicare l’economia circolare anche nel settore della pesca

Organizzato dalla nostra Associazione il recente evento sulla pesca è stata l’occasione per discutere le numerose e complesse problematiche di questo settore. Uno degli argomenti sui quali è emersa l’esigenza di ulteriori approfondimenti è quello del riutilizzo degli scarti nella logica della economia circolare che oggi si afferma sempre di più.

credit by Unsplash

Fa piacere pertanto sapere che tre imprenditori siciliani a Mazara del Vallo hanno realizzato un progetto chiamato Risacca e premiato in un concorso europeo, attraverso il quale le reti dei pescatori quando dismesse divengono zaini alla moda coniugando riciclo ed artigianato. Il segreto sta nella sarcitura ovvero una antica tecnica di riparazione delle reti che ha fatto capire ai tre imprenditori che essa si sarebbe prestata assai bene ad una lavorazione delle reti dismesse per realizzare oggetti anche di colore diverso a partire da reti colorate producendo pezzi unici ed irripetibili. Per capire il rilievo di questo progetto si pensi che a Mazara del Vallo l’industria ittica produce in un anno 10 tonnellate di materiale marinaresco da buttare.
Al progetto un contributo essenziale è venuto proprio dalla comunità dei pescatori sensibile al contributo da dare per aiutare il recupero ambientale, in particolare tramite l’applicazione ad esso della economia circolare.

Articolo N.26 del 06-10-2021 | a cura di Luigi Campanella


Prof. Luigi Campanella. Si laurea in Chimica e ottiene l’Abilitazione alla professione di Chimico nel 1961. Professore Incaricato Stabilizzato, prima di “Esercitazioni di Chimica Industriale II”, poi di “Esercitazioni di Analisi Chimica Applicata, presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” dal 1967 al 1980. Professore Ordinario di “Chimica Analitica” dall’a.a. 1980/81 all’a.a. 2002-2003 e di Chimica dell’Ambiente e dei Beni Culturali successivamente a tale data. Promotore e Direttore del Centro Interdipartimentale per le Scienze Applicate alla protezione dell’Ambiente e dei Beni Culturali. Attuale Coordinatore del Polo Museale de La Sapienza. È autore di oltre 500 lavori nei settori della Chimica Analitica, dell’Elettrochimica, della Chimica Ambientale, delle Biotecnologie Analitiche, della Chimica dei Beni Culturali.